Growth Hacking ABC

Ho sentito per la prima volta la parola “growth hacking” ad una conferenza chiamata Marketers World alla quale partecipai per aumentare il mio bagaglio di conoscenze!

All’epoca non sapevo nulla di growth hacking ma dopo un po’ di ricerche e libri letti sull’argomento cominciai i miei test per applicare questa tecnica a casi di business reali. Oggi in questo breve articolo voglio farvi capire l’abc di questa metodologia che unisce il marketing con l’ingegneria.

La definizione di Growth Hacking

Su Internet si possono trovare molte definizioni di “growth hacking”, ognuna di esse dà una versione differente a questa materia, alcune si concentrano solo su un lato e molte criticano l’emulazione intorno a ciò che altri considerano “solo un’altra parolaccia“.

Cerchiamo quindi di rendere le cose più chiare: il growth hacking si riferisce a tutte le tecniche situate tra il web marketing puro e l’ingegneria con il fine di far crescere una startup. Non chiaro? Beh, forse è solo perché il growth hacking non è una questione di definizioni ma di esempi.

Il growth hacking copre un sacco di tecniche che vanno dall’emailing, alla gestione delle community, al test A/B, all’ottimizzazione SEO, alla creazione di contenuti e tante altre che hanno un solo obiettivo, far crescere la tua attività.

Sia che tu sia un’imprenditore alla caccia di nuovi clienti o che tu voglia aumentare il tasso di conversione sul tuo sito: tutte le tecniche gratuite o a basso costo che hai utilizzato o che utilizzerai per far crescere la tua attività prendono il nome di growth hacking.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Chi potrebbe definirsi un Growth Hacker?

Ci sono molti articoli su Internet che cercano di spiegare meglio chi è il tipico Growth Hacker. Ho trovato domande come”devo conoscere il marketing tradizionale per definirmi un growth hacker?” appaiono ovunque sul web. Dopo qualche settimana di attenzione all’argomento e decine di articoli letti, mi sono fatto una mia idea. In sostanza, penso che chiunque lavori in una startup possa essere definito un growth hacker.

Una storia che mi ha appassionato e che vorrei condividere con vuoi è la nascita di Musical.ly: https://www.linkedin.com/pulse/la-storia-di-musically-prima-parte-michele-miconi-michele-miconi/

Tutto ciò che fai ha un unico obiettivo: far crescere la tua attività

 1. Siete disposti a testare, a misurare e ad adeguare la vostra proposta di valore fino a trovare il modo migliore per raggiungere il vostro obiettivo;

 2. Volete trovare modi creativi e innovativi per crescere, senza usare i normali strumenti (ad-words, annunci su Facebook, PR, ecc.), in una parola: pensate fuori dagli schemi;

 3. Puoi verificare se quello che stai facendo come ad esempio un post sul tuo blog fa effettivamente crescere la tua attività verificando se questo sia davvero utile per migliorare il tuo business?

Come imparare (su) l’hacking della crescita?

Molte risorse possono essere trovate online. Quello che vi posso consigliare è l’iscrizione a growthhacker.com e a growthhackingfrance.com per ricevere ogni mese notizie sull’argomento.

________________________________________________________________________

Segui anche la nostra serie dedicata a TikTok👇🔥

Iscriviti Al Canale + 🔔: https://www.youtube.com/channel/UClMa…

📩 Business Mail – info@michelemiconi.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *